La leggenda dei Poeti

La
leggenda

Nel contesto storico della Repubblica di Amalfi e del Ducato di Amalfi, quando il territorio dell'antico ducato venne smembrato e concesso in feudo ad esponenti della nobiltà del Regno di Napoli, si alternarono al potere diverse famiglie ed esponenti nobiliari tra i quali la Regina Sancia di Maiorca che nel 1304 divenne sposa di Roberto D'Angiò.


Si narra che la regina Sancia, molto devota, era solita frequentare i conventi di monaci e suore vicini ai castelli angioini. Nel convento di suore presso la frazione Sigliano di Gragnano si intratteneva con maggiore assiduità. Qui pare che le facesse compagnia la nobile Donna Carmela Colonna.
La nobile Carmela Colonna educata alla corte della regina Sancha fu data in sposa al cavaliere Angelo Palummo capitano al servizio del re angioino.
Dall'unione dei due nacque Ida data in sposa a Michele Chierchia, cavaliere appartenente al casato dei Piccolomini, nuovi feudatari e fautori di incontri culturali che si svolgevano sui Monti Lattari ed in Penisola Sorrentina.
A seguire nelle generazioni la famiglia allacciò un'amicizia con il Tasso, residente a Sorrento, e Margherita Sarrocchi, poetessa nativa di Gragnano, autrice del poema epico "La Scanderbeide" e assidua frequentatrice di casa Galilei a Roma.
Per le sue gesta eroiche e per la sua devozione religiosa Angelo Palummo fu ricordato nel feudo come il Cavaliere Santangelo.
In onore a questa leggenda il Resort Santangelo ha voluto richiamare fin dal suo nome le leggende e i racconti dinastici del suo territorio dedicando il nome del suo ristorante, I Poeti, alla tradizione poetica regionale

Orazio - satire

"E poi il vino, messo per un po' da parte, fa posto alla frutta.
Ora tocca a noci, a fichi a datteri secchi,
a pugne, a mele profumate in larghi canestri,
a grappoli d'uva raccolti da viti purpuree.
Al centro un candido favo."


leggenda

Eneide, libro III

" Già dechinava il sole, e crescean l'ombre
de' monti opachi, quando a terra vòlti
col desire e co' remi in su la riva
pur n'adducemmo, e procurammo a' corpi
cibo, riposo e sonno."


leggenda

Franco Sorvillo - Pullecenella

"A sotto a chesta maschera
ce sta 'a miseria nera'...
'A sotto a chesta veste janca
ce stà ggente ca è stanca
è luttà tutt'è juorne,
ca nun se piglia scuorno
pe nu piatto è maccarune.
Sò furbo cu è nfamune
onestu cu ò puveriello.
M' acalo, me chiejo,
me saccio ascì ò scartiello...
Ma pò, quanno dich'io,
me saccio fà cchiù bello!...
Nisciuna femmina resiste
a stu Pullecenella.
'E pasta, pizza e pane cavuro
me faccio n'abbuffata.
Si ò vino è genuino?
Chi è cchiù meglio e me!...
M'ò bbevo ncumpagnia
e po' jammo a cantà. "

leggenda

Offerte speciali Scopri quella adatta a te

Scegli tra nostre Promozioni quelle che fa per te.
Scandisci la tua permanenza al Resort tra trattamenti benessere, alimentazione sana e ricercata e aria pura.

string(63) "cURL error 60: SSL certificate problem: certificate has expired"
Notice: Undefined variable: response in /home/www/includes/app/config/assets.php on line 288

Notice: Trying to get property 'success' of non-object in /home/www/includes/app/config/assets.php on line 288

Niente da visualizzare

Recensioni

In breve cosa dicono di noi

Newsletter

Iscriviti per ricevere le ultime offerte e notizie

Santangelo Resort & Spa
Invia WhatsApp